Quasi per scherzo, davanti ad una birra, decidiamo di intraprendere questa nuova avventura: organizzare, insieme agli amici dell’”acido lattico” e dell’”ornedosport”, una gara di 12 ore di Mountain bike, su percorso ad anello di 6 km, fra gli sterrati ed i boschi della pedemontana pordenonese.

Optiamo per la gara a squadre, per fare in modo che i tanti club della zona potessero fare anche “gruppo” e passare una bella giornata di festa.Le riunioni, nel corso dei mesi, si susseguono: si affrontano i tanti problemi delle organizzazioni.
I buoni pasto (e i buoni birra, ancor più difficili da gestire!!!), il percorso, l’assistenza, i ponti radio, i soccorsi, il lavaggio bici….Tutto deve funzionare bene.
Così, il giorno della gara, nonostante il tempo fosse molto instabile, siamo ottimisti: tutto è ok. Tanti dei “nostri” sono presenti sul percorso, assieme agli amici radioamatori, con le preziosissime radio (vero Vincenzo??), ed assieme ai ragazzi del Soccorso Alpino, ai quali va tutto il nostro ringraziamento.
Parte la gara: oltre alla presenza sul percorso, MR è presente anche con due squadre di “atleti” che corrono con il miglior spirito agonistico: andare al massimo e divertirsi.


Ad ogni giro, c’è il cambio con passaggio del testimone fra un atleta e l’altro. Il meccanismo si perfeziona sempre di più, per cercare, anche in questa delicatissima fase, il massimo rendimento.Così, tutta la squadra è sempre presente ad ogni cambio: il corridore arriva, un componente della squadra gli prende il testimone, un altro apre la maglietta, così viene infilato il testimone, altri due spingono con tutte le loro forze l’atleta che parte.
Massima concentrazione ad ogni giro: dei temibilissimi avversari ci inseguono. Riusciamo a staccarli di pochi secondi, ma c’è sempre il rischio di essere sorpassati. Fino all’ultimo giro le nostre posizioni sono incerte e dobbiamo difendere l’esiguo vantaggio.Così pure la seconda squadra della MR rimane concentratissima per recuperare posizioni su posizioni: allo scadere dell’ultima ora di gara, invece che fermarsi e accontentarsi della posizione, il mitico Daniele, con un vero applauso di tutti, parte per l’ultimo giro, ormai al buio, da solo….

Lo spirito della gara è stato veramente ben interpretato: ci siamo divertiti, abbiamo passato una bellissima giornata, formando nuove amicizie e dimostrando – prima di tutto a noi stessi – che lo sport leale e genuino può dare tantissime soddisfazioni.In realtà alla fine è arrivato anche un inatteso grande risultato per MR, ma è stata solo la conseguenza del grande spirito di squadra che ci ha contraddistinti.

Grazie a tutti.

Il prossimo anno, Montanaia Racing sarà di nuovo in prima linea per la seconda edizione della “12 ore delle Masiere”: sono già pronte 3 squadre e ci saranno altre belle novità. A presto!

Ciao L.

Tagged with:
 
About The Author

Riccardo Padesi

Looking for something?

Use the form below to search the site:


Still not finding what you're looking for? Drop a comment on a post or contact us so we can take care of it!