DSC_1408_600x900Ragazzi, mentre molti di noi continuano a pensare alla neve e allo scialpinismo, c’è chi, inarrestabile, continua nei trail anche in inverno!!!

Vi proponiamo un racconto del nostro Marco, che, con Paolo e Valeria, ha vissuto questa bellissima esperienza:

Più di 400 aspiranti Ghibellini armati fino ai denti di …camel bag, borracce, zaini, racchette, scarponi…nonchè di sacco a pelo, materassini ecc.ecc. sono partiti alla volta di castiglion fiorentino, nella terra degli etruschi alla conquista della val di Chio. Il fango non c’era o non ce n’era abbastanza, i guadi sì e qualcuno si è tuffato, le fettucce spostate non sono mancate come si convien ad un vero trail. I 400 fratelli e sorelle di fango si sono accampati già alla vigilia della grande guerra, dal sabato nel palazzetto dello sport castiglionese. A sera fra una risata ed un’altra ..una battuta qua e là, il secondo tempo è durato molto a suon di fagioli, vino, torte fatte in casa (fette grosse a disposizione di ognuno), pasta e ceci.
La mattina già all’alba un via via di guerrieri provenienti da ogni dove, e, mentre gli ultimi bellicosi avanzavano per prendere posizione, alle ore otto è suonata la carica e nulla hanno potuto cacciator e scomodator vari che hanno provate anche nel mentre a spostare in qua e la qualche fettuccia addirittura qualche masso segnato con la vernice bio.. I nostri valorosi guerrieri non si sono fatti intimorire, molti locali complice il vantaggio “territoriale”, hanno prevalso nelle gare corte, l’assassina e la valligiana, ma chi aveva da fare la parte del leone sono stati gli oltre 200 e passa che sono andati alla conquista del monte più alto, fra borghetti dìaltri tempi, boschi e sottoboschi insidiosi, alla fine gli azzurrini matteo lucchese e marco Zarantonello hanno prevalso fra i guerrieri fratelli di fango. l’altra metà del cielo, sorella di fango e lacrime è stata una superba Maria Chiara Parigi che, pur perdendo la strada maestra miliardi di volte, è arrivata prima vittoriosa, seconda la bella Emanuele Tonelli Scilla e terza Lisa Borzani che stavolta si deve proprio accontentare del terzo posto. http://denisequintieri.blogspot.it/2013/01/3trail-della-ronda-ghibellina.html
Prima di perderci Paolo era 4° e io indietro di qualche minuto……..siamo andati in palla in un uliveto, comunque non abbiamo avuto visioni ….i segnali erano proprio errati!….. Chiara Parigi era terza delle donne quando ci siamo persi, e noi eravamo prima dalla Borzani (che si è persa anche lei e ha perso il primo posto…giustamente era nera, il podio era il suo) ….fatti un po di conti ci siamo mangiati almeno 20 minuti!….la Parigi è arrivata prima di noi….mai vista ;)
Va ben è andata così, la gara è stata veramente dura, ma bella, lo scenario toscano era da cartolina, …. abbiamo corso sempre in mezzo al ghiaccio e con temperature prossime allo zero …. a me si è rotto e sono finito dentro una pozza fino al ginocchio…….. per un oretta mi sono chiesto chi cavolo me lo facesse fare ma….. dovevo raggiungere Paolo (!) che era partito per fare una mezza maratona in piano e non una 43 km in montagna a gennaio !….poi alla fine si è calmato e nella discesa finale mi ha raggiunto….. per più di 30 km, infatti, mi aveva fatto penare e mi ha aspettato varie volte grazie al cielo! Il sorpasso dopo il 30 esimo km è stato storico, mi viene ancora da ridere….sembrava la ritirata dalla Russia…. tutto era al rallentatore… sull’ultima salita…..abbiamo recuperato il 9° e 10° posto e abbiamo tagliato il traguardo insieme…. Valeria ha fatto la 13km ma ha pensato bene di fare tutta la salita e visto che il paesaggio era splendido è ritornata per una altra strada …. presente all’arrivo ci ha accompagnato fino alla fine con tifo da stadio ….. il nostro XXXX lo abbiamo visto stremato all’arrivo anche lui dopo un calvario …. si era perso pure lui!!!!

 

About The Author

Riccardo Padesi

Looking for something?

Use the form below to search the site:


Still not finding what you're looking for? Drop a comment on a post or contact us so we can take care of it!