dolomiti extreme trailIl weekend appena trascorso è stato per Montanaia Racing tra i più ricchi di soddisfazioni sportive dal momento della sua nascita e sicuramente ha segnato una svolta sul nostro approccio alle skyrace.

Le gare in programma erano tantissime e disseminate su tutto il territorio italiano ed anche oltre, man mano che lunedì mi giungevano notizie sulle varie partecipazioni non potevo credere ai miei occhi. Devo anticipare che come spesso accade nella disciplina della corsa a piedi i nostri affezionatissimi si sono avvicinati alla corsa in montagna per completare distanze brevi, 10-15 km, per poi, nel corso degli anni, affrontare sfide sempre più impegnative, ma mai avrei immaginato così impegnative.

Iniziamo con parlarvi di CHIARA COLONNELLO che difficilmente avrete visto partecipare alle varie skyrace, probabilmente non vale la pena sporcare le scarpe per sole 3-4 ore di gara, in compenso ha partecipato ad Andorra alla Ronda dels Cims, 2^ prova dello Skyrunning World Series – Ultra, 170 Km per 13000m D+, 256 partecipanti, 145 l’hanno portata a termine, tra questi la nostra Chiara che l’ha completata in 44 ore e spiccioli, classificandosi 5^ assoluta tra le donne e 2^ tra le italiane dietro solo alla vincitrice. Da sottolineare la difficoltà della gara definita tra le più dure al mondo tanto che l’anno scorso c’è chi vi ha lasciato le penne. SUPER.

In ordine di distanze percorse è ora il turno di Marc Mascarin il quale ha portato a termine l’Estremamente Parco da 110 Km e 8000m D+. Ha chiuso in 8^ posizione assoluta e per lunghi tratti è stato in 2^ posizione. Ma poco conta il risultato, dalle sue parole è evidente il ricordo di una gara veramente estrema, completata in 34 ore, con 2 notti in giro per i monti, si è perso 4 volte, ha fatto 125 Km e 9000m D+. Marc racconta divertito di segnalazioni inesistenti ai bivi, di aver dormito per 5 min alla volta disteso sul sentiero, di aver mancato 2 ristori perché è arrivato troppo presto e di aver più volte scorto una donna dormire nel sacco a pelo a bordo sentiero. Se qualcuno ha notizie di questa donna è pregato di metterci in contatto. Ma forse era solo un allucinazione. ORGOGLIOSI DI TE.

Nella versione da 50 Km e 4000m D+ si è distinto il nostro Alessandro Papis che ha concluso in 13^ posizione e 13h la sua prima esperienza in lunghe distanze.

Con i suoi 118 Km e 5740m D+ si è conclusa anche la Lavaredo Ultra Trail che i nostri Stefano Cassan e Luigi Piat ha completato in 13h e14h rispettivamente, mentre nella versione più corta denominata Cortina Trail da 46 Km si sono messi in evidenza i vari Marco Venier, Ryan Looch e Jeremy Duddles.

L’elenco dei nostri atleti non è ancora finito infatti vi ricordo la nostra folta presenza alla Stava Skyrace, prima prova del Campionato Italiano Skyrunning. In una giornata di sole splendida, di quelle che speri possano replicarsi senza fine, prende il via la Stava Skyrace il cui percorso, quest’anno, risulta modificato per ovviare alla forte nevicata dei gioni precedenti che ha reso inacessibile le parti più alte del tracciato. Nulla di compromesso per quanto rigurda la spettacolarità della gara. Neve e fango hanno reso ancor più tecnico il percorso e i nostri portacolori non si sono risparmiati facendo registrare risultati lusinghieri e piazzandosi tutti abbondantemente entro la prima metà della classifica. Su tutti spicca uno straordinario Alessandro Ferraro che aggredisce da subito con veemenza la dura salita al Cornon e non mollerà fino alla fine portando a casa un prestigioso 25° posto!! Bravo Ale!!! Qualche minuto dopo passa il traguardo Paolo Posocco e a seguire Silvano Frattino, Marco De Salvador e Stefano Tagliafierro. Tra le donne la bravissima Francesca Lavezzari porta a casa un buon 17° posto. Tutti o quasi pronti alla difficilissima trasferta all’Aprica per la Maratona del Cielo.

About The Author

Riccardo Padesi

Looking for something?

Use the form below to search the site:


Still not finding what you're looking for? Drop a comment on a post or contact us so we can take care of it!